Nella Rubrica Legale di Retail & Food di gennaio/ febbraio 2017 è stato pubblicato un articolo dell’avvocato Patrizio Cataldo dal titolo “La responsabilità del conduttore che cede l’azienda per i debiti del nuovo conduttore subentrante”.

L’avvocato Cataldo commenta un’ordinanza della Corte di Cassazione (n. 23111/2015) in materia di cessione del contratto di locazione realizzatasi nell’ambito della cessione del ramo di azienda.

La Cassazione ha stabilito che il conduttore cedente è responsabile nei confronti del locatore ceduto in caso di mancato pagamento del canone da parte del nuovo conduttore cessionario/ subentrante nella locazione e ciò anche nel caso in cui la morosità di quest’ultimo sia relativa alle successive rinnovazioni del contratto di locazione.

Quanto statuito dalla Corte costituisce conferma e chiarimento del principio codicistico della responsabilità nella cessione dei contratti: l’ordinanza pone tuttavia l’accento sul principio per cui la responsabilità del cedente vale anche per i successivi rinnovi del contratto di locazione. Anche a distanza di 15 anni dalla cessione del ramo di azienda, dunque, il cedente, può essere chiamato dal locatore a rispondere per la morosità del cessionario sul contratto di locazione rinnovato, sul presupposto che la rinnovazione della locazione non comporta la nascita di un nuovo contratto, ma la prosecuzione del precedente.

In conclusione, l’ordinanza in commento riafferma la necessità di porre particolare cura e attenzione nella negoziazione e redazione delle clausole dei contratti di cessione di ramo di azienda e specie per quelle attinenti alla responsabilità del cedente verso terzi che, in casi come quello in esame, può trovare applicazione anche molto tempo dopo la stipula del contratto stesso.

Patrizio Cataldo in Retail & FoodLeggi l’articolo completo